Associazione culturale 'Il Cantiere dell'Arte' Associazione culturale 'Il Cantiere dell'Arte' Contattaci Chi siamo Rassegne Attivitą Aggiungi a Preferiti Scrivi al Webmaster
 
 
Edizione 2005

Con il contributo della Regione Lazio Dipartimento Sociale Direzione Regionale Cultura Spettacolo, Sport e Turismo, il Comune di Manziana, Assessorato alla Cultura, dà il via alla XIII Edizione di “Musica In Piazza”, nota Rassegna in tre appuntamenti con artisti di nota fama.

Dopo il successo del concerto a Roma nella Galleria Alberto Sordi in occasione della Festa Europea della Musica i “St. John Singers Spirituals-Gospel Choir”, diretto da Alessandra Paffi e Paolo Poli, inaugurano la Rassegna Domenica 24 Luglio. Ad animare la serata il celebre vocalist dell’Alabama (USA) Charlie Cannon. Anche in questo concerto la parte strumentale sarà curata da Pier Michele Bertaina, Alessandro Patti, Francesco Bonofiglio.

Manziana, nelle passate edizioni, ha iniziato ad apprezzare la buona musica jazz, grazie alle alte prestazione del grande Lino Patruno, più volte ospite della Rassegna.Volendo continuare a proporre questo genere musicale, è stata invitata ad esibirsi l'orchestra jazz “Blue Joshua Band” diretta da Al Joshua trombonista e compositore, attivo da trenta anni in ambito jazzistico.

II repertorio dell'orchestra è quello dell'era dello Swing (anni '30 e '40), nello stile delle "Dancing Band" americane di Count Basie, Duke Ellington, Glenn Miller, Benny Goodman.

Reduce da una tournèe di successo a gennaio-febbraio 2005, protogonista in varie trasmissioni RAI, ritorna in Italia il Balletto Nazionale della Georgia “Metekhi” con i suoi mitici danzatori del Caucaso, gli unici al mondo a ballare saltando sulla punta dei piedi. Il balletto georgiano Metekhi, secondo la comparazione felice della più celebre critica italiana della danza Vittoria Ottolenghi sull”Espresso”, ci incanta“ dalla grazia lenta delle ragazze, che sembrano fluttuare sul ghiaccio e le prodezze maschili sulle punte, con stivali sottili e senza imbottitura, oppure tra pugnali che sfrecciano verso terra, fitti come se piovesse”.